La stampa si rassegna

La stampa si rassegna

Rassegna stampa di vario genere

 


Comune di forte dei Marmi - 24 Marzo 2015

COMUNE DI FORTE DEI MARMI
MUSEO DELLA SATIRA E DELLA CARICATURA

Inchiostro coraggioso

Quando la libertà di ridere si ribella all’intolleranza

Così come dopo Auschwitz si pensò di non poter più scrivere poesia, dopo la strage di ‘Charlie Hebdo’ si poteva a buon diritto pensare che non si sarebbe più riusciti a fare satira, che l’emotività avrebbe bloccato la vena creativa degli autori.
Viviamo anni bui e scomodi per chi vuole continuare a esercitare il diritto imprescindibile di libertà di pensiero e di parola, ma noi, che vogliamo essere ottimisti per il futuro, proponiamo la nostra idea di inchiostro coraggioso. Un inchiostro propugnato da autori che vogliono continuare a ridere e soprattutto far ridere i lettori.
Questa esposizione, curata per il Museo della Satira di Forte dei Marmi dai fondatori del giornale umoristico ‘Buduàr’ assieme all’associazione di cartoonist  ‘Feco France’, nasce con il duplice scopo di non dimenticare i fatti drammatici di Parigi e nello stesso tempo cercare di affrontare un ragionamento più ampio sulla libertà di espressione.
La collaborazione con Feco France, ha permesso che arrivassero dalla Francia decine di autori straordinari, dal geniale Loup a Plantu, che si cimenta su ‘Le Monde’ ogni giorno, a Brito e Pétillon che lavorano sulle pagine del ‘Canard’, a Coco, che si è ritrovata proprio al centro del dramma di ‘Charlie’ e che ha sentito il bisogno di riprendere subito a disegnare. Le sue vignette sono una testimonianza davvero commovente. Lo stesso discorso meritano gli autori italiani, da Silver a Staino, che hanno aderito proprio con l’intenzione di far sentire la propria voce, così come altri disegnatori che da Paesi ben più lontani hanno mandato una sentita testimonianza, come Morales da Cuba o Kutal dalla Turchia. L’umorismo è partecipazione.

La mostra ‘Inchiostro Coraggioso’, è curata da Dino Aloi, Pierre Ballouhey, Marco De Angelis, Alessandro Prevosto e Robert Rousso.

Disegni a firma di:  Dino Aloi, Carlos Amorim, Arthos Careghi, Gianni Audisio, Aurel (Aurélien Froment), Paul Avoine, Carlo Baffi, Pierre Ballouhey, Batti (Toussaint) Manfruelli, Sébastien Bauer, Catherine Beaunez, Pierre Bizalion, Michel Bridenne, Brito (Carlos Ferreira Do Amaral), Gianni Burato, Assunta Toti Buratti, Michel Cambon, Davide Ceccon, Chimulus (Michel Faizant), Coco (Corinne Rey), Lido Contemori, Lele Corvi, Marco De Angelis, Jean Debonnet, Franco Donarelli, Alain Dubouillon, Mattia Franceschini, Giox (Giovanni Sorcinelli), Antonio Guarene, Gianlorenzo Ingrami, Emilio Isca, Jiho (Olivier Jardin), Firuz Kutal , Andrzej Krauze, Manuel Lapert, Marc Large, Étienne Lécroart, Jac Lelièvre, Jean-Jacques Loup, Fabio Magnasciutti, Rémy Malingrey, Ro Marcenaro, Valerio Marini, Melanton (Antonio Mele), Claudio Mellana, Françoise Menager, Milko Dalla Battista, Georges Million, Mofrey (Roger Mauffrey), Ramses Morales, Flavien Moreau, Dominique Mutio, Richard Nagy, Marilena Nardi, Palex (Alessandro Prevosto), Pancho (Francisco Graells), Danilo Paparelli, Passepartout (Gianfranco Tartaglia), Andrea Pecchia, Pesso (Jacques Pessaud), Réné Pétillon, Michel Pichon, Patrik Pinter, Placide (Éric Laplace), Plantu (Jean Plantureux), Franck Raynal, Robert Rousso, Roland Sabatier, Oscar Sacchi, Eugenio Saint Pierre, Ugo Sajini, François San Millan, Silver (Guido Silvestri), Doriano Solinas, Carlo Squillante, Sergio Staino, Mauro Talarico, Christine Traxeler, Lucio Trojano, Gianfranco Uber, Pietro Vanessi, Veesse (Vincent Scherrer).

In appendice una sezione curata da Giovanni Beduschi con alcuni dei disegni realizzati da diversi autori subito dopo il 7 gennaio, giorno della strage di ‘Charlie Hebdo’.  Disegni a firma di:  Franco Bacci, Giovanni Beduschi, Andrea Bersani, Lele&Fante (Enrico Biondi), Gianni Carino, Mariano Congiu, Ste (Vladimiro Di Stefano), Giovanni Fioretti, Marco Fusi, Roberto Giannotti, Fleo (Alfio Leotta), Cesare Lo Monaco, Luca Garonzi, Armando Lupini, Roberto Mangosi, Starlet (Stella Mei), Giampaolo Milazzo, Paolo Lombardi, Paride Puglia, Raul Zuleta, Luca Ricciarelli, Liviano Riva, Tiziano Riverso, Gianni Soria, Matitarob (Maria Roberta Stevan), Paola Tosti, Valeriano Cappello, Carmelo Garofalo, Giorgio Sommacal e Augusto Rasori.

11 Aprile - 7 Giugno 2015

 


ANSA - 13-09-2014

A Buduàr premio speciale satira

Diretto dal vignettista torinese Dino Aloi

Buduar, il mensile satirico online, diretto dal vignettista torinese Dino Aloi, ha vinto il premio speciale 'Pino Zac 2014' assegnato nell'ambito della 42/a edizione del Premio Satira Politica di Forte dei Marmi, considerato l'Oscar italiano della satira. In giuria, tra gli altri, il vicedirettore della Stampa Massimo Gramellini. "Buduar - si legge nelle motivazioni - ha radunato i tanti disegnatori satirici italiani che non vogliono rinunciare a dire la loro in punta di matita".

 


 Sanremo News - 15-09-2014

Il mensile satirico 'Buduar'
gestito dal sanremese Alessandro Prevosto
premiato a Forte dei Marmi

Alla 42ª edizione del Premio Satira Politica di Forte dei Marmi, considerato l'Oscar italiano della satira. In giuria, tra gli altri, il vicedirettore della Stampa Massimo Gramellini.

Buduàr, il mensile satirico online, diretto dal vignettista torinese Dino Aloi e dal sanremese Alessandro Prevosto ha vinto il premio speciale 'Pino Zac 2014' assegnato nell'ambito della 42a edizione del Premio Satira Politica di Forte dei Marmi, considerato l'Oscar italiano della satira. In giuria, tra gli altri, il vicedirettore della Stampa Massimo Gramellini.

La motivazione: debitore di certo ironico disincanto al “Divino marchese”, “Buduàr” è l’erede duepuntozero dei grandi giornali umoristici che nel cuore del secolo scorso hanno allietato generazioni di italiani. Impresa non facile in un paese che ha rinunciato ai giornali satirici di carta e che trova nel web un fiorire di proposte non sempre durature. “Buduàr” ha radunato i tanti disegnatori satirici italiani che non vogliono rinunciare a dire la loro in punta di matita e ha il merito di giocare leggero, tra umorismo di qualità, satira vera e incursioni nella storia di un genere che onora, proiettandosi con ambizione nel futuro dei media sulla Rete.

 


Prima Comunicazione - 25-02-2014

Più stranieri per Buduar, la rivista umorista sul web

Diventa sempre più internazionale ‘Buduar, almanacco dell’arte leggera’, giornale on line dedicato all’umorismo e alla satira, diretto da Dino Aloi e Alessandro Prevosto. Al giornale collaborano i migliori vignettisti contemporanei, come Giuliano, Contemori, De Angelis e Milko, con uno sguardo agli umoristi del passato, da Cavandoli, ideatore della Linea, a Giorgio Cavallo e Botter. Dal prossimo numero arriva il vignettista italiano Ro Marcenaro. Sempre più numerosi gli stranieri: accanto ai vignettisti francese Rousso, San Millan e Ballouhey, compaiono anche il turco Kutal, l’argentino Perez e lo storico della caricatura spagnola Jordi Artigas. Il nome del giornale, che si legge digitando www.buduar.it e ha cadenza mensile, è stato ideato da Carlo Squillante, vignettista di Smemoranda e grande pubblicitario. Ha una doppia la valenza: richiama il salotto (in francese budoir) buono della satira, ma anche il salotto dove comodamente in poltrona sfogli il giornale. Contiene recensioni di libri e mostre sul mondo del disegno, ma anche iniziative legate al mondo dei cartoon, racconti umoristici, oltre a vignette e strip spesso inedite. non di satira politica, ma di satira di costume. Buduar è impaginato come se fosse un giornale vero perchè pur utilizzando un mezzo moderno resta forte il legame con il mondo della carta. Il giornale riscuote successo – il numero dei visitatori cresce in modo significativo – perchè è l’unico legato al mondo della grafica.

(ANSA, 25 febbraio 2014)



Il Secolo XIX - 21-8-2014

La notte dei disegni “espressi” nei ricordi degii autori che sono passati da SpotornoComics

Amori e corna, te lo dico con una vignetta
Milko: «Una signora aveva bisogno di rivelare un tradimento, alla vigilia delle nozze»
 

Richieste bizzarre, fumetti per conquistare una ragazza, vignette piccanti da realizzare a tarda ora. I disegnatori che partecipano alla Notte delle Vignette del sabato sera, che comincia alle 22 e va avanti fino a tarda notte, hanno decine di aneddoti da raccontare, alcuni davvero singolari. «Ricordo una giovane – racconta Dino Aloi, fumettista torinese che anche quest’anno parteciperà a SpotornoComics - che anni fa chiese una vignetta con cui comunicare al suo prossimo marito, con un matrimonio fissato se non ricordo male un paio di mesi dopo, che aveva un altro e non voleva sposarsi ». Se la ricorda anche Milko, che disegnò di persona la vignetta. «Mi domandò un disegno per “fare capire al proprio fidanzato che lei lo tradiva con una certa frequenza” – aggiunge Milko Dalla Battista, anche lui torinese -. In realtà le parole utilizzate erano un po’ più crude e rimasi circa trenta secondi a fissarla con un mezzo ghigno di stupore prima di cominciare a disegnare per accontentarla.Tra il pubblico non è infrequente trovare soggetti disposti a confessare cose che in altre situazioni manterrebbero gelosamente nascoste nel segreto della propria riservatezza». Sembra strano, ma ogni anno c’è un tema predominante nelle richieste. C’è stato l’anno dei matrimoni, l’anno dei divorzi, l’anno delle suocere. «Una volta una giovane coppia mi disse: “Buonasera, noi in settembre ci sposiamo” – racconta Pierpaolo Perazzolli, trentino -. Pronti, non è difficile!E il disegnino è fatto. Passano alcuni mesi e mi arriva una busta con una partecipazione di nozze. Era la loro, avevano usato il disegno per le partecipazioni e me ne avevano inviata una: carini! Sono venuti a salutarmi all’edizione 2013, erano ancora molto felici». Milko: «Una signora aveva bisogno di rivelare un tradimento, alla vigilia delle nozze».La notte dei disegni “espressi” nei ricordi degLi autori che sono passati da spotorno comics Amori e corna,te lo dico con una vignetta I figli, la scuola, l’amore sono tra le richieste più frequenti. «L’aneddoto per me più simpatico – ricorda Giovanni Beduschi - è stato quando una ragazzina di tredici anni mi ha chiesto una caricatura da regalare al suo fidanzato. Si parla di più di dieci anni fa. Bene, dopo nove anni la stessa ragazzina si ripresenta, per avere la caricatura sua e del suo fidanzato per le partecipazione di matrimonio».Certe volte realizzare una  vignetta è molto più complicato di quanto possa apparire. «Di episodi piacevoli ce ne sono stati tanti, ma ricordo di una vignetta che disegnai per una signora che alle mie domande rispondeva insistendo sul concetto di grassezza del marito e del suocero – racconta Luca Ricciarelli, che è stato anche matita del Vernacoliere -. Cercavo di approfondire facendole domande che mi permettessero di produrre una vignetta adeguata, ma lei sapeva solo dirmi che il marito era grasso per colpa del suocero. Non riuscivo a ottenere di più e questo mi mise in particolare difficoltà. Non sapevo cosa disegnare ma, dopo un lungo tergiversare, quando stavo per arrendermi e limitarmi a farle un ritratto, le feci uscire di bocca la parola “Inter”.Fu un’illuminazione: è venuto fuori che ogni volta che l’Inter vinceva, il suocero invitava il figlio (marito della signora) a cena fuori. A quel punto nacque la vignetta: la moglie che guarda il marito sulla bilancia e questi che dice “com’ero magro quando l’Inter l’allenava Orrico”».Anni e anni di SpotornoComics hanno contribuito a formare un bagaglio enorme di aneddoti da raccontare. «Sono moltissimi – conclude Dino Aloi -. Potrei citare le signore in età che aspettano pazientemente che l’ora si faccia tarda per chiedere vignette piccanti da mostrare poi ai mariti, oppure giovani virgulte che vogliono qualcosa per conquistare baldi giovanotti. Ricordo invece una signora che voleva la caricatura del suo cane senza avere neppure con sé una foto. Aspettò in coda con ciascuno di noi, e noi (un po’ infidi) dicemmo che il nostro vicino sarebbe stato bravissimo a realizzarlo. Alla fine realizzò il disegno Paparelli. Ecco, questo è un po’ il clima di Spotorno».

 


IVG - 21-8-2014

SpotornoComics compie 20 anni e si fa due regali:
un percorso umoristico subacqueo e la mascotte SpoTonno

Spotorno. Fervono i preparativi per la ventesima edizione di SpotornoComics, Rassegna Nazionale di Satira e Fumetti, e dell’evento clou della manifestazione, la celebre Notte delle Vignette che si terrà sabato 23 agosto 2014 a partire dalle ore 22: dal 1995 una “squadra” di vignettisti tra i più importanti d’Italia si ritrova infatti nella Piazzetta del Sorriso presso l’ex Hotel Palace a due passi dal mare e disegna per il pubblico fino alle prime luci dell’alba.
L’evento è organizzato dal Comune di Spotorno, Assessorato al Turismo, e da Roby Giannotti, ex matita storica della Gazzetta dello Sport, che nel ’95 ha ideato uno degli eventi più originali della Riviera, frequentato ogni anno da migliaia di spettatori. Questa la lista dei vignettisti partecipanti alla Notte delle Vignette: Dino Aloi, Milko, Athos, Antonio Tubino, Pierpaolo Perazzolli, Giovanni Beduschi, Elena Terrin, Marco Fusi, Carlo Sterpone, Gianni Soria, Giancarlo Sartore, Franco Buffarello, Luca Ricciarelli, Gianni Audisio oltre ovviamente a Roby Giannotti.
“Quando nel 1994 si affacciò l’idea di organizzare una notte dedicata ai vignettisti italiani ed ai turisti che ne potevano osservare in diretta le esibizioni, questa sembrò subito affascinante, ma era difficile sperare che potesse arrivare sin qui, all’estate 2014 – afferma l’assessore al Turismo del comune di Spotorno Francesco Riccobene – In effetti l’originalità dell’evento ha battuto il tempo trascorso e, credo, supererà altri traguardi.La semplicità dell’appuntamento ha conquistato centinaia di ‘clienti’ che si sono fatti immortalare seduta stante con le storie della loro quotidianità o del loro cognome ‘spiegato’ dalle matite argute di artisti straordinari, come possono essere i vignettisti italiani che si sono avvicendati in questi vent’anni”.
“A loro va il nostro ringraziamento – continua Riccobene – così come ritengo giusto ringraziare le amministrazioni comunali e gli assessori che si sono succeduti e che hanno lavorato per mantenere vivo un evento unico nel suo genere e che ha qualche tentativo di emulazione, che ne sottolinea il valore. Per tutti voglio ricordare Mauro Rossello che fu il primo assessore al Turismo ad organizzare l’evento. Spotorno, dunque, continua a ridere di se stessa con la stessa autoironia di vent’anni fa, cambiando argomenti e visi da ridisegnare, mantenendo lo stesso desiderio di ospitalità motivata che continua a contraddistinguere il nostro lavoro”.
Nell’edizione dei vent’anni vi sono molti motivi di interesse e iniziative di contorno che arricchiscono la manifestazione. Su tutte la mostra nella Sala Espositiva dell’ex Hotel Palace da sabato 23 agosto a domenica 31 agosto, con le vignette per il Golfo dell’Isola, la Scuola del Fumetto di Asti, Mister Master e il laboratorio della disabilità di Ceva, “La guerra del tenente Comisso” a fumetti di Federico Tullio De Nardi e Alberto Dabrilli. E poi il Concorso di Disegno per Bambini, come ogni anno sul tema “Disegna Spotorno e il Golfo dell’Isola”: il modulo con lo spazio per il disegno è scaricabile da internet sul sito del Comune di Spotorno www.comune.spotorno.sv.it, sul sito www.spotornocomics.it e sulla pagina facebook: https://www.facebook.com/spotornocomics.
Per i vent’anni, poi, SpotornoComics si è fatto un regalo: una bella mascotte. Espressione ironica e occhiali da sole, è SpoTonno. La sua arma segreta: il sorriso. E’ pronto ad andare in giro per l’Italia e per il mondo a promuovere SpotornoComics e lo splendido Golfo dell’Isola. SpoTonno ha già fatto furore nei bagni marini di Spotorno, dove residenti e turisti hanno fatto a gara per fare dei selfie con lui.
Sempre per i vent’anni Roby Giannotti ha ideato un piccolo percorso umoristico subacqueo, per ora una sorta di esperimento; nella settimana successiva alla Notte delle Vignette verranno sistemati sul fondale 5 disegni umoristici realizzati su ceramica da Giannotti, con l’aiuto degli esperti del Gs Olimpia capitanati da Pino Gorgoglione e degli amici dei Bagni Sirio. Le ceramiche sono state realizzate dall’artista presso la fornace delle Ceramiche Il Tondo di Celle Ligure, di Marcello e Andrea Mannuzza.



Cultura Marostica - 15-09-2013

Umoristi a Marostica: Eureka!

La 45° edizione della prestigiosa rassegna internazionale di grafica umoristica
è stata inaugurata sabato 11 maggio nelle sale del Castello Inferiore.
 

Quest’anno la manifestazione è dedicata a EUREKA: le invenzioni che hanno determinato il progresso della civiltà in occasione dei 2300 anni dalla nascita di Archimede, uno dei padri della speculazione filosofica. La sua celebre espressione Eureka, ovvero Ho trovato cercando, ha scatenato la creatività degli autori che hanno proposto con l’efficacia tipica dei cartoons una riflessione sul significato intrinseco delle invenzioni e sulla illimitata capacità inventiva della mente umana.La giuria, presieduta dal britannico Ross Thomson, ha assegnato il Grand Prix Internazionale Scacchiera 2013 a Constantin Sunnerberg (Belgio); il Gran Premio Speciale Marco Sartore a Lamberto Tomassini (Italia); il Gran Premio Speciale Sandro Carlesso a Luc Descheemaeker (Belgio). Delle opere finaliste, il Premio Internazionale Umoristi a Marostica è stato a ssegnato a dieci autori a pari merito: Sergio Tessarolo (Italia); Filippo Ricca (Francia); Milko Dalla Battista (Italia); Dalcio Machado (Brasile); Lothar Otto (Germania); Toso Borkovic’ (Serbia); Silvano Mello (Brasile); Hassan Karimzadeh (Iran); Pol Leurs (Lussemburgo); Mojtaba Heidarpanah (Iran).
Il salone d’autore ha visto opere del Presidente della giuria R. Thomson. Il maestro scozzese, poeta delle immagini e narratore di piccole e grandi storie, è riconosciuto come uno dei maggiori autori di fu-metti e cartoons contemporanei.
Questi ha pubblicato opere in prestigiose riviste internazionali ed ha pro-gettato un’ottantina di spot televisivi e film di anima-zione ed illustrato una ventina di libri per bambini.
La nostra rassegna, che ha goduto della partecipa-zione qualificata degli autori e della capacità di pro-porre un confronto umoristico profondo e riflessivo al tempo stesso, sulle tematiche universali della civil-tà contemporanea, ha visto anche quest’anno una grande presenza di pubblico.



Il Giornale di Vicenza - 11-05-2013

Umoristi inventori di risate

Da oggi al 16 giugno l'esposizione al Castello di Marostica.Il 45°concorso internazionale  per disegnatori sul tema “Eureka” premia il belga Sunnerberg
 

Marostica celebra ancora una volta l'ironia del mondo, espressa attraverso la grafica umoristica.Oggi alle 17,30 al Castello inferiore si aprirà la mostra con le opere della 45esima edizione del concorso grafico internazionale “Umoristi a Marostica”. In tutto 368 i partecipanti alla rassegna che suggella la presenza delle firme più prestigiose della grafica mondiale. Per il concorso di quest'anno gli autori provengono da 62 Paesi.A loro il compito di lavorare sul tema del 2013, “Eureka”, ovvero le invenzioni che hanno determinato il progresso della civiltà. Argomento scelto non a caso dall'attento gruppo promotore che in nove lustri di attività ha analizzato vari argomenti di attualità e cultura sociale. Il tema delle invenzioni è dedicato all'anniversario dei 2.300 anni dalla nascita di Archimede, uno dei padri della speculazione filosofica, che ebbe tra le sue espressioni più famose appunto l'esclamazione “Eureka”. La mostra, con un centinaio di lavori selezionati, traccia, come segnalano i curatori Giovanni Sorcinelli “Giòx” e Maurizio Minoggio, «una storia per episodi dell'umanità, dalle caverne al futuro, dove l'essere umano recita contemporaneamente il ruolo di demiurgo, della vittima e della pedina inconsapevole».Nel corso della cerimonia saranno conferiti i premi, come da verbale della giuria riunitasi il 23 e 24 marzo e presieduta dallo scozzese Ross Thomson al quale è dedicato il salone d'autore.  Le sue tavole sono brulicanti di idee e umanità: Thomson, poeta delle immagini e narratore, ha lavorato come art director in diverse agenzie pubblicitarie prima di diventare autore di fumetti e cartoon. Le sue opere sono apparse in riviste internazionali e nella sua carriera ha progettato un'ottantina di spot televisivi e film di animazione e scritto ed illustrato una ventina di libri per bambini.Questi i premiati: Constantin Sunnerberg , 43 anni, vignettista per quotidiani e illustratore (Belgio), Gran prix internazionale scacchiera; Lamberto Tommassini, gran premio Marco Sartore; Luc Descheemaeker (Belgio), premio Sandro Carlesso; premio internazionale Umoristi Marostica per dieci autori a pari merito: Sergio Tessarolo, Filippo Ricca (Francia), Dalcio Machado (Brasile), Milko Dalla Battista, Otto Lothar (Germania), Toso Borkovic (Serbia), Silvano Mello (Brasile), Hassan Karimzadeh (Iran), Pol Leurs (Lussemburgo), Mojtaba Heidarpaah (Iran).La mostra rimarrà aperta fino al 16 giugno, tutti i giorni, con il seguente orario: 10-12,30 e 15-18,30.

Riccardo Bonato

 


 Mundiario - 23-04-2013

El humor gráfico sigue demostrando su amplia capacidad de inventiva

Arquímides, el matemático griego, inventor, físico, ingeniero y astrónomo, al meterse en la bañera, notó que el nivel del agua subía, y por ese efecto, podía calcular la masa y el volumen, y a partir de ahí la densidad de los objetos. De esa manera podía cumplir el encargo del rey que le había pedido que investigara si la corona que le habían hecho era de oro, o habían mezclado otros metales en su realización. Maravillado ante tan crucial descubrimiento, Arquímides se lanzó desnudo por las calles de Siracusa y gritando ¡Eureka! que significa “Lo he conseguido”.
La edición número 45 del concurso “Umoristi a Marostica”, que se celebra en Italia, ha tomado como tema “Eureka: las invenciones que han determinado el progreso de la civilización”, en el que han participado 368 dibujantes de 62 países, y ha ratificado la creatividad de los humoristas gráficos, con resultados sorprendentes y un alto nivel artístico, con gran carga irónica y satírica.
Este prestigioso certamen, que cuenta con la dirección artística de Giovanni Sorcinelli “Giòx” y Maurizio Minoggio, y con el apoyo del ayuntamiento de Marostica, la provincia de Vicenza y la región de Veneto, abrirá sus puertas del próximo 11 de mayo al 16 de junio en las salas del Castillo Bajo de Marostica (VI), con una sección especial dedicada al destacado caricaturista inglés Ross Thomson, ganador de numerosos premios internacionales y famoso por su estilo e ingenio.
El jurado de “Umoristi a Marotica” otorgó el Gran Premio Internacional 2013 a Constantin Sunnerberg (Bélgica); el Gran Premio Especial "Marco Sartore" a Lamberto Tomassini (Italia); y el Gran Premio Especial "Sandro Carlesso" a Luc Descheemaeker (Bélgica). De los finalistas, el Premio Internacional "Umoristi en Marostica" fue a manos de diez autores en igualdad de condiciones: Sergio Tessarolo (Italia), Dalcio Machado (Brasil), Milko Dalla Battista (Italia), Filippo Ricca (Francia), Lothar Otto ( Alemania), Toso Borkovic (Serbia), Silvano Mello (Brasil), Hassan Karimzadeh (Irán), Pol Leurs (Luxemburgo) y Mojtaba Heidarpanah (Irán).
Una vez más, el humor gráfico demuestra su amplia capacidad de inventiva en este homenaje a un hombre sobresaliente como Arquímides y a su frase histórica.

Francisco Puñal Suárez

 


Caricaturque - 31-3-2013

45th International Graphic Humour ExhibitionUmoristi a Marostica 2013, Italy

Umoristi a Marostica 2013 - Jury report – Theme EUREKA!
45th International Graphic Humour Exhibition

On Saturday 23rd and Sunday 24th of March 2013 the “UMORISTI A MAROSTICA” jury came together made up of:
Ross Thomson - President, Margherita Allegri, Antonio Antunes, Marco Tonus, Ferruccio Giromini, Alessandro Tich, Maurizio Minoggio, Giovanni Sorcinelli and Organizing Committee composed by the Marostica Graphics Group.
The Jury, having examined the works that have reached Marostica from 368 Authors of 62 Countries, notes of a particularly generous participation and full of inspirations and results in line with the proposed theme EUREKA! The inventions that led to the progress of civilization.

By unanimity decided to award:

2013 International Chessboard Gran Prix to: Constantin Sunnerberg, Belgium
The “Marco Sartore” Special Prize to: Lamberto Tomassini, Italy
The “Sandro Carlesso” Special Prize to: Luc Descheemaeker, Belgium

The International Award “Umoristi a Marostica" to:
Sergio Tessarolo (Italy), Filippo Ricca (France), Milko Dalla Battista (Italy), Dalcio Machado (Brazil), Lothar Otto (Germany), Toso Borkovic’ (Serbia), Silvano Mello (Brazil), Hassan Karimzadeh, (Iran), Pol Leurs (Luxembourg), Mojtaba Heidarpanah, (Iran).



Fany-Blog - 5-10-2012

E' uscito online BUDUÀR, "l'almanacco dell'arte leggera"

Dopo una prova tecnica Buduar n°0 , sfogliabile e scaricabile, ecco il n° 1

La nuova rivista umoristica online, è nata da un'idea di Alessandro Prevosto, in arte Palex, sanremese, umorista e curatore del sito Palexhumor.com, con Dino Aloi, vignettista torinese, editore (Il Pennino) che ha al suo attivo oltre duecento pubblicazioni di storia dell’umorismo,  la copia è legata da un'amicizia nata trentadue anni fa e consolidatasi nel tempo.Due ottimi direttori sono già da soli una garanzia, insieme poi alla collaborazione di tanti validi cartoonist di tutte le età ...  avremo un  grande successo!!Le pagine sono edite su “carta virtuale” giallina, da vecchia rivista trovata su una bancarella, ma impaginata con criteri moderni che si sposano bene con l’essenzialità e la dinamicità del web.La rivista si può sfogliare online, cliccando sui simboli in basso a destra, oppure scaricare e conservare sul proprio PC.E' una rivista "colta", nel vero senso della parola, perchè oltre a proporre vignette di attualità e costume, racconti brevi, strisce, aforismi, presenta, di volta in volta, artisti che hanno fatto la storia dell'humour italiano. In questo primo numero, in uscita a ottobre, un lungo e divertente ritratto  del grande disegnatore Giorgio Cavallo, che segue quello di Coco, recentemente scomparso, pubblicato sul numero zero.
Direzione artistica: Dino Aloi, Alessandro PrevostoConsulente speciale: Marco De AngelisRedazione: Mirko Amadeo , Milko Dalla Battista, Carlo Squillante.

 


 Tennis Per Tutti - 2-3-2012

La volée della vita, il libro che non puoi perdere

112 pagine da leggere tutte d’un fiato ed incuriosirsi, condividendola o meno, per la tesi che il libro scritto a quattro mani dal sottoscritto e dal dirigente della Regione Piemonte, Franco Ferraresi.Di cosa si tratta? Dell’assunto per il quale il tennista ha un qualcosa in più nella vita, a qualsiasi livello appartenga o sia appartenuto. Abituato ad affrontare situazioni di campo così differenti da un giorno all’altro, di avversario in avversario, di torneo in torneo, si scopre poi maggiormente forgiato per districarsi bene nella quotidianità. Non mancano, per chi si avvicina al tennis, le spiegazioni dei termini più in uso, del perché del punteggio, alcune note “primordialmente” tecniche sulle impugnature e sui colpi fondamentali. Così contributi scientifici legati alla preparazione, anche mentale, che il tennis richiede. Ed ancora semplici consigli alimentari, nonché due decaloghi per avvicinarsi alla partita. Uno riservato ai più giovani, uno agli esperti.Arricchiscono il libro, nato da un’idea di Franco Ferraresi, immediatamente condivisa dal sottoscritto, le schede e le testimonianze, interviste nella prima versione del libro, raccontate nella seconda degli attuali big del tennis italiano, vedi Schiavone, Pennetta, Errani e Vinci, Bracciali, Starace, Fognini e Bolelli. Così quella, nelle stesse forme, di Diego Nargiso, ex nazionale di Coppa Davis ora brillante imprenditore nel settore dell’energia pulita.
La prima versione del libro, realizzata grazie al supporto finanziario della Ferrero s.p.a., è in distribuzione in circa 10.000 copie a tutti i partecipanti del Trofeo Tennis Kinder + Sport, circuito promozionale nazionale che vede l’ex campionessa Rita Grande impegnata in prima persona nella veste di organizzatrice. Una Rita Grande che apre il libro con il racconto della sua esperienza tennistica. Non manca il saluto del Presidente della Federazione Italiana Tennis, Angelo Binaghi. Molto simpatiche le vignette che colorano e corredano lo scritto.Sono circa 20 firmate dall’editore dell’opera, Dino Aloi (Casa Editrice “Il Pennino” di Torino) e di Milko Dalla Battista. Coordinamento editoriale di Antonietta Petrosino.
Attualmente il libro è in ristampa con un’edizione modificata rispetto alla prima e indirizzata a tutti i circoli e agli appassionati di tennis. Una copia costerà 15 euro. Si prevede una scaletta sconti per i circoli che decideranno di acquistarne più copie.

 


Varese News - 11-10-2011

38 Paesi e 600 vignette per "Humour a Gallarate"

In programma sabato 13 ottobre la riunione della Giuria
per la XVIII Edizione del “Grand Prix Marco Biassoni”

Sono scaduti i termini per l’invio delle opere in concorso alla XVIII edizione di “Humour a Gallarate 2012” manifestazione che si avvia verso le fasi conclusive fino all’inaugurazione della mostra con le opere selezionate prevista per domenica 28 ottobre al Maga di Gallarate.Trentotto i paesi rappresentati, con la presenza di duecentocinquanta autori fra storici e nuovi, per un totale di seicento vignette, un numero costante rispetto alle passate edizioni. In sede Pro Loco a Gallarate è già partito il conto alla rovescia per la riunione della Giuria, che sabato 13 ottobre si riunirà al Maga e dopo aver visionato le numerose vignette arrivate in sede e divise in tre categorie (grafica, satira e caricatura) selezionerà le vincitrici per ogni sezione.Sarà, inoltre, scelta l’opera vincitrice del premio speciale intitolato a Osvaldo Cavandoli, quella che meglio coniughi la bellezza del contenuto umoristico, satirico o caricaturale con la massima essenzialità dell’esecuzione grafica. «Arrivare al traguardo del diciottesimo compleanno è un’emozione fortissima – è il commento del presidente Pro Loco Vittorio Pizzolato – soprattutto se pensiamo che quasi vent’anni fa fu una scommessa quella di dare origine ad un evento dalle grandi potenzialità ma con molti punti interrogativi». Dopo la riunione della Giuria di sabato 13 ottobre, l’appuntamento sarà per l’inaugurazione domenica 28 al Maga.I giurati: Achille Superbi (Italia) – Illustratore e caricaturista, famose le sue caricature al Processo del Lunedì di Aldo Biscardi, lavora per l’area grafica del centro di produzione Rai di Torino; Michael Kountouris (Grecia) – Vignettista e illustratore di libri per ragazzi collabora con quotidiani e riviste in Grecia, ha vinto numerosi concorsi in patria e all’estero; Luka Lagator (Montenegro), Illustratore, pittore e caricaturista collabora con alcuni giornali, ha pubblicato libri e diretto due cortometraggi; Elena Terrin (Italia) – Vignettista e illustratrice partecipa a mostre e pubblicazioni con una predilezione per la satira; Milko Dalla  Battista (Italia) – Vignettista, fumettista, grafico e illustratore, ha collaborato con molte riviste e agenzie pubblicitarie. Fanno parte della Giuria anche Giovanni Sorcinelli per Fanofunny, Emma Zanella e Vittoria Broggini per il Maga, Silvana Brandi e Vittorio Pizzolato per la Pro Loco.

 


 Salone Internazionale del Libro - 14-5-2011

XXIV Salone Internazionale del Libro
Piazzetta Parole di Piemonte
Oval, Stand W18 X17, ore 16.30

La donna immaginata L’immagine della donna

Presentazione del catalogo della mostra La mostra “La donna immaginata, l’immagine della donna”, è stata promossa dal Consiglio regionale del Piemonte in occasione delle Celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia. Attraverso 180 vignette d’epoca (pubblicate su giornali e riviste satiriche italiane e in parte francesi tra il 1860 e il 1970) l’immagine della donna appare in tutte le sfaccettature classiche
usate nella satira sul genere femminile: dalla bellissima seducente ma automaticamente stupida, fino alla donna poco aggraziata, robusta o incapace, rendendo evidenti luoghi comuni che accompagnano le donne da sempre.
Scopo della mostra è stato quello di smorzare l’effetto del luogo comune e raffigurare una carrellata ampia di immagini satiriche della donna, attraverso l’evoluzione del costume e del cambiamento di ruoli e mentalità.
Tra i disegnatori ricordiamo i nomi di: Redenti, Dalsani, Teja, Bompard, Girus, Manca, Mazza, Kremos, Belli, DeSeta, Barbara, Cavallo e di alcune delle donne che hanno saputo ridere di se stesse: Vera D’Angara (attiva negli anni ’30), Adriana Bisi Fabbri, una tra le prime vignettiste di attualità che Mussolini volle far pubblicare su Il Popolo d’Italia nel 1915, e le artiste contemporanee Margherita Allegri, Silvia Ziche e Marilena Nardi.
Le vignette hanno anche per protagoniste donne famose come Eleonora Duse, Anna Magnani, Nilde Iotti, Rita Montagnana, Matilde Serao, l’on. Teresa Noce, la senatrice Adele Bei e Ada Negri, la prima donna ad essere stata ammessa tra gli accademici d’Italia.Il catalogo (edito da Il Pennino) raccoglie 250 vignette selezionate, con i contributi critici di: Amalia Angotti (giornalista), Flavia Cavalero (psicologa), Nicoletta Calapà (storica) e un testo del 1986 tratto dal primo numero di Tango per ricordare Gabriella Ruisi (autrice televisiva mancata nel 2005). La mostra “La donna immaginata, l’immagine della donna”, è stata curata dal disegnatore umoristico Dino Aloi, con la collaborazione di Paolo Moretti, Milko Dalla Battista e Claudio Mellana, è stata allestita nello spazio espositivo di Piemonte Artistico e Culturale ed a partire dal mese di giugno sarà itinerante in alcuni comuni piemontesi.

 


 Internet Culturale - 3-6-2008

Alla Garibaldina

Ritratti, caricature e vignette per l’Eroe dei Due Mondi

A cura di Claudio A. Colombo

Nell’immaginario collettivo, forse, il suo nome è quello che nessuno può fingere di ignorare.
E proprio in occasione del bicentenario della nascita dell’Eroe dei Due Mondi, un piccolo grande gruppo di eroi della matita, del pennello, della creatività a fumetti (da Altan a Giannelli, da Toppi a Calegari, da Bucchi a Staino, da Nani Tedeschi a Grazia Nidasio, da Forattini a Bozzetto, solo per citarne alcuni) ha risposto all’unisono per scrivere – Alla Garibaldina – il proprio personalissimo “pensiero” in onore di chi Giovanni Spadolini ha definito “il simbolo più alto della nostra leggenda nazional-popolare”. Dissacranti, provocatori, scanzonati, surrealisti.
Più che omaggi alla memoria, i disegni qui raccolti sono “stoccate” che sanno risvegliare le coscienze: sia che parlino al passato, sia che commentino il presente, attraverso vignette, opere e illustrazioni il vecchio Leone di Caprera diventa lo strumento per ripercorrere fatti e misfatti della storia d’Italia, attraverso gesta che sono divenute leggendarie, dallo sbarco dei Mille al fatidico “obbedisco”. Insomma, un campionario avvincente e coinvolgente di umorismo, satira e ironia.

Tavole di
Ferruccio Alessandri • Dino Aloi • Altan • Gianni Audisio•Giovanni Beduschi • Bruno Bozzetto • Anna Brandoli • Massimo Bucchi • Renzo Calegari • Silvano Campeggi • Athos Careghi • Stefano Casini • Ernesto Cattoni • Cersosimo&Clac • Alfredo Chiappori • Gianni Chiostri • Mariano Congiu • Lido Contemori • Flavio Costantini • Milko Dalla Battista • Giorgio Forattini • Emilio Giannelli • Giuliano • Emilio Isca • Dario Mairano • Danilo Maramotti • Valerio Marini • Claudio Mellana • Gastone Mencherini • Grazia Nidasio • Danilo Paparelli • Remo Pasetto • Ugo Sajini • Fabio Sironi • Carlo Squillante • Sergio Staino • Nani Tedeschi • Sergio Toppi • Manlio Truscia • Antonietta Viganone

 


 Internet Culturale - 5-9-2007

Stupido è chi lo stupido fa

Comunicato stampa del dott. Lorenzo Brusa, Referente Educazione alla Salute ASL n. 13

(...) La scuola è la sede naturale dell’educazione socialmente organizzata. Ad essa, insieme alla famiglia, è affidato il compito educativo primario per l’età evolutiva ed è, quindi, agli insegnanti, che compete di integrare il proprio insegnamento con la “categoria” della difesa della salute.
Infatti da anni la ASL 13 collabora con le scuole nella promozione della salute. La mostra di oggi nasce da una cooperazione con la ASL 1 di Torino e dalla prosecuzione di una ricerca sull’utilizzo dei farmaci in età adolescenziale, approvata con determina n°11 del 17 gennaio 2001 del Direttore della Direzione Controllo delle attività sanitarie Regione Piemonte.
L’iniziativa è stata affidata per la realizzazione operativa alle edizioni “Il Pennino”, specializzate in organizzazione e gestione di eventi legati all'umorismo.
I testi dei fumetti sono stati scritti da Dino Aloi, mentre i disegni sono stati affidati alla mano di Milko Dalla Battista.
Dino Aloi, vignettista laureato in semiologia, oltre ad aver collaborato con vari giornali tra cui La Gazzetta dello Sport e Radio Corriere Tv, organizza mostre sempre legate al disegno umoristico. Tra le altre le antologie dedicate a Peynet, Jacovitti e recentemente Bruno Bozzetto. Ha al suo attivo un centinaia di volumi pubblicati come editore ed una decina di libri sulla satira curati per altri come Feltrinelli e il Museo Nazionale della Montagna.
Milko Dalla Battista, grafico e vignettista, ha collaborato con numerosi giornali e con agenzie pubblicitarie. Da anni espone le sue opere in rassegne umoristiche nazionali  dove spesso ha riscosso premi e riconoscimenti. Numerose anche le sue personali.
Il pool di lavoro che si è creato intorno all'operazione (dalla supervisione al coordinamento, dal controllo scientifico al difficile ruolo di sintetizzare i contenuti) ha permesso di realizzare un prodotto gradevole per i ragazzi, con un mezzo particolare quale è il fumetto umoristico che riesce a coniugare bene le esigenze di comunicare informazioni particolari ed importanti come i temi espressi nell'opuscolo e nella mostra attraverso un canale comunicativo moderno e fresco, ma soprattutto non banale e non serioso, risultando alla fine uno strumento didattico facilmente recepibile dal target che si è voluto porre al centro del messaggio.
Un uso del fumetto lievemente diverso, che si astrae per una volta dal ruolo puramente intrattenitivo senza nulla togliere all'efficacia della campagna informativa ma piuttosto rafforzandola, ammorbidendola nei toni e permettendo ai ragazzi di coglierne le sfumature in modo divertente.

 


 SpotornoComics - 24-7-2007

SpotornoComics 2007 - XIII Edizione

Comunicato stampa

E' in pieno svolgimento l'attività organizzativa per la 13a edizione di SpotornoComics, la rassegna di satira e umorismo organizzata dal Comune di Spotorno che vivrà il suo momento clou nella "Notte delleVignette", quando 15 umoristi di fama nazionale disegneranno, come tradizione, per tutta la notte davanti al pubblico a partire dalle ore 22 di sabato 18 agosto. L'evento, ideato e diretto dal vignettista Roby Giannotti, è organizzato dall'Assessorato al Turismo del Comune di Spotorno e quest'anno porta con sé importanti novità. Sabato 18 agosto, alle ore 18,30, la manifestazione sarà onorata dalla presenza di Don Antonio Mazzi che presenterà, nella Sala Convegni Palace, la prima edizione dell'agenda scolastica Tremenda, che annovera la presenza tra le sue pagine di diversi vignettisti partecipanti a SpotornoComics.
Sempre nella medesima occasione, verrà presentato alla presenza dei responsabili del Centro Commerciale Il Gabbiano, sponsor dell'iniziativa, il progetto "Il Muretto del Sorriso" che si avvierà nel 2008 con la riproduzione delle vignette di SpotornoComics su piastrelle in ceramica di Albisola posizionate a decorare tutta la piazzetta antistante la Biblioteca Civica C. Sbarbaro dove da 13 anni si svolge l'evento.
Afferma il Vicesindaco Giampaolo Calvi, Assessore al Turismo:"SpotornoComics sta crescendo di anno in anno, sempre confortata da un grande successo di pubblico. Quest'anno poi la manifestazione è nobilitata dalla presenza di Don Antonio Mazzi, che ha apprezzato la serietà della nostra iniziativa considerandola un valido palcoscenico per il lancio della sua Agenda Tremenda, e dalla presentazione del progetto per il 2008 del Muretto del Sorriso". L'iniziativa di Don Mazzi inaugura anche un filone "letterario-editoriale" di presentazione di libri e pubblicazioni che via via intende arricchire SpotornoComics come un progetto a tutto campo sull'umorismo e la satira con implicazioni sociali e no profit.
Domenica 19 agosto alle ore 11,30 sempre presso la Sala Convegni Palace, proprio seguendo questa nuova sezione dell’evento, verrà presentato il libro “la borsa è un gioco?” su un tema dove pochi osano scherzare: quello della borsa e della finanza.L'iniziativa editoriale non poteva che nascere da persone che vivono professionalmente quell'ambiente, Giancarlo Di Giangi, autore dei testi e delle vignette, e Vittorio Varese che ne ha scritto la presentazione.
Tornando alla Notte delle Vignette hanno già confermato la loro presenza alcune delle migliori firme nazionali dell’umorismo: Aldo Bortolotti, Dino Aloi, Milko Dalla Battista, Renzo Barbarossa, Marco Fusi,Carlo Baffi, Elena Terrin, Tiziano Riverso, Gianni Audisio, Carlo Sterpone, Gianni Soria, Antonio Tubino, Valerio Marini, PierPaolo Perazzolli, Palex.

 


La Stampa, Tuttolibri - 7-7-2007
La Stampa.it - 11-7-2007

Fumetti e Cartoons

Il ranger, il boxeur e il re Agilulfo

(...) Da un monumento, vero, di muscoli all'invenzione di un piccolo re longobardo: Agilulfo (Il Pennino, pp. 95, euro 10). E' la prima raccolta di strip realizzate da Milko Dalla Battista che ha scelto un improbabile passato per ambientare queste storie divertenti che rimandano ai maestri che ci hanno fatto scoprire il gusto del fumetto «diverso»: Johnny Hart con il reuccio dispotico di Wizard of Id e il cavernicolo filosofo BC, Dick Browne con il barbaro Hagar, la lucida follia provocatoria di Bonvi, Silver, Origone e, naturalmente, di papà Charles M. Schulz. Dalla Battista disegna e scrive bene, facendoci ridere con le vicende di questo re diplomato ragioniere, ghiotto di grissini, bagna cauda e scacchi. Facile dire che Agilulfo è Milko.

 


 Italplanet - 15-03-2007

L'Europa si racconta... con umorismo!

Fino al prossimo 6 aprile, sarà allestita a Roma, presso la Biblioteca Europea, "Manifesta!", mostra di vignette e illustrazioni umoristiche sulla Carta dei Diritti fondamentali dell'Unione Europea.

Promossa dall'Associazione Africa e Mediterraneo,la mostra mira a far riflettere sui diritti europei: i temi della Dignità, della Libertà, dell'Uguaglianza, della Solidarietà, della Cittadinanza e della Giustizia, illustrati attraverso la sintetica arte della vignetta umoristica, sono infatti comunicati in modo efficace e diretto grazie alla partecipazione di artisti italiani, francesi, praghesi e africani.
In particolare gli artisti italiani che presentano le opere nella mostra sono: Ernesto Cattoni, Giuliano, Danilo Maramotti, Bruno Bozzetto, Giorgio Sommacal, Pillinini, Nardi, Marassi, Milko, Origone, Aloi, D'Alfonso e Chiostri.
Oltre alle opere realizzate dagli umoristi professionisti, la mostra presenta le migliori opere inviate da autori emergenti al concorso "Manifesta!".
Il progetto rivolge una particolare attenzione a bambini e ragazzi in età scolare, per far maturare in loro la consapevolezza dell'essere cittadini europei. Il progetto "Manifesta!", realizzato in partenariato con il Multicultural center di Praga e l'Associazione l'Afrique Dessinée di Parigi e in collaborazione con Eurodialog (Bruxelles), è stato finanziato dell'Unione Europea Direzione Generale Giustizia, Libertà e Sicurezza (Programma Actions relating to fundamental rights, Preparatory Actions 2004), Fondazione Carisbo e dalla Regione Piemonte
L'iniziativa è organizzata in collaborazione col Comune di Roma - Assessorato alle Politiche Culturali e  fa parte delle iniziative realizzate per il 50° anniversario del Trattato di Roma.
"Manifesta!" rimarrà aperta al pubblico fino al prossimo 6 aprile.

 


 Balloons - 21-02-2007

Agilulfo di Milko Dalla Battista

Grazie ad una segnalazione dell'amico Lido Contemori abbiamo scoperto Agilulfo di Milko Dalla Battista. Il momento per presentarvi questa striscia e il suo autore è quello giusto. Per le Edizioni Il Pennino, proprio negli ultimi giorni del 2006, è uscita una raccolta curata da Dino Aloi.
Bisogna riconoscere che la scena italiana delle comic strip è molto più vivace e sorprendente di quello che di norma si immagina. Cenere sul capo e penitenze varie, pure a noi appassionati del genere era sfuggita questa deliziosa strip italiana. Agilulfo appartiene a quel sottogenere con strampalata ambientazione storica che ha diversi famosi ascendenti: B.C. di Hart, Wizard of Id di Parker, Hagar the Horrible di Browne. E qualche precedente anche in Italia: Nilus degli Origone, Ulisse di Gioma. Il meccanismo di base della comicità è comune: un ambientazione epica, mitologica o leggendaria, personaggi in costume e comicità scombinata allentando la sincronia storica. La parodia viene giocata introducendo elementi di attualità. Scenari e personaggi che hanno fatto parte del nostro immaginario ereditato da scuola e cinema vengono immersi in un brodo di gag, boiate terrificanti, satira, ilari citazioni e altre cialtronate. Il minestrone storico funziona se è girato da un cartoonist arguto e di talento. Dalla Battista è uno di quelli.
Confessiamo che appena vista la striscia abbiamo avuto timore di trovarci davanti a un clone, o che, per quanto bella e ben disegnata, facesse parte di un filone forse esaurito o troppo sfruttato. E invece il fondale storico, assieme a tutto l'armamentario parodistico, è solo una scusa per avere un teatrino e tirare fuori della comicità pura. Chapeau, la striscia funziona e fa ridere.
Il cast è davvero variegato e assai folto, all'altezza di quelli di Hart e Parker. Agilulfo, il personaggio che da il nome alla striscia, è il re dei longobardi. Tanto per farvi entrare un po' nello squinternato clima della strip, dovete sapere che ha un diploma in ragioneria, va matto per la bagna caôda accompagnata da un buon barolo, ogni tanto dovrebbe fare qualche guerra ma è iscritto agli obbiettori di coscienza. Baldo è il capo degli armigeri diventato tale grazie ad un concorso andato deserto, specialista in ritirate strategiche. Abacus è il dotto di corte, ha un eloquio forbito e lo si capisce dal lettering dei suoi balloon. Lo slavo Balalajka è il capo dei pirati e parla con accento veneto. Altri nemici: Rotula dei vandali, detto anche La tendinite di Dio, e Krjick di Sandwick, vichingo sbevazzone . Non cominciate a fare i difficili sostenendo che Vandali e Longobardi non dovrebbero aver mai incontrato i Vichinghi. Fa tutto parte del pastrocchio medievale buffonesco della strip. Troverete poi Grog il giullare, uno gnomo, la spada e la roccia, l'unicorno, il drago, un cane Wolf, Teodolinda la moglie di Agilulfo. Più vari altri comprimari. Sembra ci sia un po' di casino e in effetti ne trovate tanto.
Milko Dalla Battista lavora nel settore della comunicazione visiva. È cresciuto e ingrassato con chili di cartoon e fumetti tenendo sempre una matita in mano. Come racconta divertito nella propria presentazione sul sito humourcomix.com, per anni ha garantito i livelli occupazionali nelle poste italiane inviando plichi alle redazioni e ottenendo, udite, gentili rifiuti. Non è poco, spesso non si degnano di rispondere. Insomma la solita vitaccia dei cartoonist sommersi, quasi tutti in Italia. Qualcosa è cambiato quando ha incontrato il maestro Dino Aloi, suo mentore e amico. Dalla Battista pubblica anche come illustratore e vignettista su numerose piccole riviste.
Per un elenco delle librerie e fumetterie dove trovare Agilulfo, e per altre notizie sull'autore, vi indirizziamo al sito www.humourcomix.com

Max Olla

 


Bazar - 16-01-2007

Manifesta!

L'Europa dei diritti raccontata ai bambini

Galerie Bièvre - 1, place d'Italie - 75013
Mairie du 13° arrondissement, Paris
16 gennaio 2007 - 31 gennaio 2007

L'associazione Africa e Mediterraneo in collaborazione con Eurodialog invita il suo pubblico a riflettere sui diritti europei attraverso "Manifesta!", mostra di vignette e illustrazioni umoristiche sulla Carta dei Diritti Fondamentali dell'Unione europea.
Le opere esposte, realizzate appositamente per il progetto, guideranno gli spettatori, specie i più piccoli, alla conoscenza e alla consapevolezza dei diritti riconosciuti dall'Unione europea con la Carta promulgata nel 2000.
I temi della Dignità, della Libertà, dell'Uguaglianza, della Solidarietà, della Cittadinanza e della Giustizia, illustrati attraverso la sintetica arte della vignetta umoristica, sono comunicati in modo efficace e diretto grazie alla partecipazione di artisti come Ernesto Cattoni (Famiglia Cristiana), Bruno Bozzetto, Giorgio Sommacal e tanti altri...
Oltre alle opere realizzate dagli umoristi professionisti provenienti dai paesi partner del progetto, la mostra presenta le migliori 20 opere selezionate per il concorso "Manifesta!".
Il progetto rivolge una particolare attenzione a bambini e ragazzi in età scolastica, per far maturare in loro la consapevolezza dell'essere cittadini europei.
L'inaugurazione avverrà il 16 gennaio alle ore 17.00 presso la Galerie Bièvre e sarà preceduta da una conferenza internazionale cui parteciperanno i responsabili del progetto europeo, il direttore di Eurodialog e coordinatore del progetto in Francia e Mr. Armaud Pinon, presidente dell'associazione Jean Monnet.
La conferenza inizierà alle ore 15.00 e sarà un'ulteriore occasione per riflettere sui Diritti fondamentali della Carta europea

La mostra è aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 17.00, il giovedì fino alle 19.30.

Artistes participants:

Dignité
Lubomír Lichý - Jiří Novák - Paolo Savelli Marilena Nardi - Tayo Fatunla

Liberté
Lido Contemori - Bruno Bozzetto - Ernesto Cattoni Paola Baistrocchi - Arianna Masia
Tereza Fuxová - Michel Cambon – Giemsi

Égualité
Fifi Mukuna - Lubomír Lichý - Pavel Starý - Milko - Manuela Carzo
Paola Baistrocchi - Danilo Paparelli - Cambon Oliv' – Giemsi

Solidarité
Danilo Maramotti - Franco Origone - Dino Aloi Arianna Masia - Radek Steska

Citoyenneté
Jiří Novák - Gianni Chiostri - Dino Aloi Samba Ndar Cisse - Samuele Alberti

Jiustice
Fifi Mukuna - Jiří Novák - Giuliano Petr Strejcek - Daniel Ladman

Il progetto "Manifesta!" è stato realizzato grazie al finanziamento dell'Unione Europea DG JLS (Programma Actions relating to fundamental rights, Preparatory Actions 2004) in parternariato con il Multicultural Center di Praga e l'associazione l'Afrique Dessinée di Parigi e in collaborazione con Eurodialog.

Si ringrazia per la collaborazione Mairie du 13° arrondissement.

 


 L'Unità - 18-10-2004

Due pazzi (Vergassola e Gianco)e 14 disegnatori per cinque terre

Quattordici autori e cento disegni per raccontare in modo scanzonato le Cinque Terre del levante ligure: è la mostra Sorrisi nel parco che, aperta sino a domenica 31 ottobre nel castello di Riomaggiore, è stata inaugurata da Dario Vergassola e Ricky Gianco in un duello di deliri affabulatori.
A ritrarre questa microregione, fra Liguria e Toscana, benedetta da dio e tutelata dall'Unesco come patrimonio mondiale, sono stati: Silver (Guido Silvestri, il papà di Lupo Alberto), Ro Marcenaro, Fabio Sironi, Gianni Chiostri, Lido Contemori, Achille Superbi. Franco Origine, Carlo Squillante, Palex, Dino Aloi. Gianni Audisio, Milko Dalla Battista, Ugo Sajini.
«Gli autori hanno lavorato in diretta, sul posto - spiega Gianni Galli, uno dei curatori - ritraendo con il loro stile, e le loro sensibilità, angoli noti e meno di Riomaggiore, Manarola, Vernazza, Coniglia, Monterosso: dalla frequentatissima "Via dell'Amore" alle stazioni ferroviarie, dai mille scalini che attraversano i paesi ai muretti a secco che permettono la coltivazione dalla vite». E coltivare la vite qui significa soprattutto Sciacchetrà, il prezioso passito («vino da meditazione») la cui produzione è fortunatamente ripresa.
Con il consenso pieno e convinto dei disegnatori: in una vignetta, ad esempio, Silver ha disegnato la devastante talpa Enrico intenta a degustarne un bicchiere da intenditore, «Colore chiaro, humm gusto delicato…», provocando la reazione del lupo Alberto: «Michele, ma vai a cagare!». Vergassola ha sottolineato l'importanza di quest'iniziativa che potrebbe avere nuovi sviluppi proprio in una chiave enologica-enoica: in sostanza le vignette e i loro autori dovrebbero entrare nelle cantine dei paesi per «provocare pensieri arditi e riflessioni culturali» fra un gotto di vino e un'acciuga sotto sale.
L'idea è piaciuta subito al presidente del Parco delle Cinque Terre, Franco Bonanini, che ha sottolineato come: «Soltanto fino a pochi anni fa queste terre erano dimenticate, segnate dalla miseria e dalla voglia di andarsene via per cercare una vita migliore. Ci siamo però battuti in molti per capovolgere questa situazione e far diventare il nostro isolamento una carta vincente di sviluppo eco-compatibile: è nato così il Parco dell'Uomo con un grandissimo impegno per migliorare la qualità della vita. Nessuno è più andato via: anzi, il Parco ha promosso cooperative che danno lavoro a centinaia di giovani». Il turismo come risorsa intelligente di sviluppo, senza stravolgere i paesi. «Abbiamo però paura di quello che potrà succedere con la legge sui condoni assassini voluta e votata dalla maggioranza di governo - ha commentato Ricky Gianco - ma sono certo che difficilmente qui nasceranno certe ville con anfiteatri, come in Sardegna, sulle quali c'è persino il segreto di Stato… ». Il bene della satira, dell'umorismo, dell'ironia, si schiera quindi per il bene dell'ambiente, dell'uomo.
Anche, fa notare Dino Aloi in una sua vignetta, «Come fanno in sole 5 terre a starci miliardi di turisti?». Ma c'è anche la procace signorina che in posa da pin up dice al fidanzato: «Ti suggerisce niente la via dell'amore?» e lui: «Eccome! Un bel bicchiere di Sciacchetrà» (Origone). E eroica è anche la vignetta di Palex che affida a due personaggi questa riflessione: «Dopo aver ricostruito 7.000 chilometri di muri a secco alla Cinque Terre potevano coltivare solo uva», «Per la particolarità delle terre?», «No, per poter bere il vino e dimenticare il culo che si sono fatti…». Prosit!

Alberto Gedda




test